Su richiesta della DIA Calcestruzzo di San Vito Lo Capo in amministrazione giudiziaria

Un provvedimento di prevenzione di amministrazione giudiziaria è stato eseguito dalla Direzione investigativa antimafia nei confronti di un’impresa di calcestruzzo che opera a San Vito Lo Capo, nel Trapanese. La decisione è della Sezione Misure di Prevenzione del tribunale di Trapani, su proposta congiunta del procuratore di Palermo e del direttore della Dia.

La fattispecie, prevista dall’art. 34 del “Codice Antimafia”, si applica per bonificare l’azienda e consentire il suo recupero all’economia legale. L’impresa opera in uno dei settori definiti dal cosiddetto “Decreto liquidità” come tra quelli maggiormente esposti a rischio di infiltrazione mafiosa e sono stati individuati numerosi indizi, valutati dal Tribunale come importanti elementi probatori tali da far ritenere che la società fosse concretamente permeata da infiltrazioni e condizionamenti da parte di Cosa nostra.

L’amministratore giudiziario s’insedierà per un periodo iniziale di 8 mesi, con il fine di eliminare le contiguità ed i condizionamenti mafiosi, cosi’ da scongiurare altre forme di controllo giudiziario, ovvero giungere, come accade nei casi più gravi, alla confisca. L’azienda dispone di un impianto di produzione di calcestruzzo con annesso capannone, diversi automezzi e mezzi speciali di trasporto ed impiego della malta, nonché una cava di approvvigionamento delle materie prime per un valore prossimo al milione di euro.

Redazione – Trapani Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More