Selinunte. Raccolte 6 tonnellate di olive in bene confiscato

Sei tonnellate di olive, cultivar Nocellara del Belìce, tra le varietà più apprezzate dal mercato, sono state raccolte nel fondo agricolo confiscato a Nunzio Spezia e Vita Valenti in contrada Pileri-Buffa a Marinella di Selinunte, nel territorio di maggiore influenza del super latitante Matteo Messina Denaro.

Un luogo che dal 2006  é affidato in gestione alla Fondazione San Vito Onlus. Nella giornata conclusiva di raccolta, ieri si è svolta la “mattinata della legalità”, con la partecipazione di 30 persone nella raccolta: le donne tunisine del “Progetto donna”, i volontari della mensa fraterna “Rosario Livatino” di Mazara del Vallo, i giovani del Servizio civile presso la Fondazione, il presidente Vito Puccio e lo stesso vescovo monsignor Domenico Mogavero.

La giornata di raccolta delle olive a Marinella di Selinunte si è conclusa ieri pomeriggio.  Già nei giorni precedenti erano state raccolte le olive nell’uliveto dell’altro fondo agricolo confiscato alla mafia e in gestione della Fondazione in contrada Fiumelungo a Salemi. “L’olio ottenuto dalla molitura delle olive servirà per le tre mense fraterne di Mazara del Vallo, Marsala e Salemi gestite insieme alla Caritas diocesana – ha detto il presidente della Fondazione, Vito Puccio – ma una parte verrà anche donata alle famiglie bisognose del nostro territorio diocesano”.

Redazione – Trapani Post

1 Commento
  1. […] rivivere la passione e morte di Cristo, dopo due anni di fermo a causa della pandemia. Assente il vescovo Pietro Maria Fragnelli che ieri è rientrato a casa per l’aggravarsi delle condizioni di […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More